Vi presentiamo il signor Furboni

Il signor Pietro Furboni gestisce un ristorante di cucina tradizionale. È un uomo concreto, abituato a ragionare per chilogrammi e tempi di cottura. Per lui contano le tovaglie pulite, la velocità del servizio e la freschezza delle mozzarelle.

Non è abituato a pensare al suo locale come a un’azienda che si rivolge a un pubblico. Di sedurre il target, non si è mai preoccupato. Di valorizzare i suoi prodotti, neanche. Però non vive sulla Luna e certe voci gli arrivano all’orecchio...

image00

La comunicazione? Me la faccio da solo!

Per esempio ha capito che serve un vero nome per il suo ristorante, ma di rivolgersi a un professionista non se ne parla. Lui si arrangia, rimedia, improvvisa.

E che sarà mai, trovare un nome? Conosce tanta gente, lui. Fornitori, clienti… Per non parlare dei suoi collaboratori, che insomma sennò che li paga a fare? La segretaria, il commercialista… E i familiari?
A qualcuno gli verrà pure un’idea.

image00

La frittata è fatta!

Dopo il nome, è la volta di realizzare il logo. E poi il sito, naturalmente. Finché arriva il momento di fare una campagna pubblicitaria…
Il signor Furboni si sente tanto intelligente, perché crede di aver risparmiato.

E allora noi ve la facciamo vedere la comunicazione dei Furboni. E vi facciamo vedere anche chi l’ha realizzata. Però poi non dite che non vi avevamo avvisato…

image00

Siete curiosi di sapere come va a finire?

SEGUITE LE PROSSIME IMPRESE DEI FURBONI SUI SOCIAL.

La prossima settimana:
IL NAMING
ovvero ‘come iniziare con il piede sbagliato’
.

image00

SEGUITE I FURBONI SU